Fuori Concorso

Geronimo di Antonello Carboni, Italia, 1999, 20′

 

Un viaggio nell’arte di Salvatore Garau.Il documentario segue in modo discreto e sacrale il pittore Salvatore Garau nell’atto della creazione artistica.

Salvatore Garau
Salvatore Garau è nato a Santa Giusta (Oristano) nel 1953, vive tra Milano e la Sardegna. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Firenze nel 1974, tre anni dopo è invitato a Milano dagli Stormy Six, gruppo di punta del rock d’avanguardia, con i quali tiene oltre mille concerti in tutta Europa. In seguito alla prima mostra ufficiale a Milano, dal 1984 si dedica esclusivamente all’arte visiva (pittura e video), esponendo in mostre collettive e personali in gallerie e musei di tutto il mondo.


 

Scuola calcio, Collettivo Mina, Italia, 70’

 

Piccoli calciatori si sfideranno a Napoli per la finale del torneo: la squadra del difficile Rione Sanità contro la Fortitudo Roma dove mosse i primi calci Francesco Totti. Chiassosi, indisciplinati, irresistibili tra genitori strepitanti a bordo campo, ripicche, doveri, alleanze, rimbrotti, bisticci e riappacificazioni, nelle rispettive città si preparano all’incontro, instancabilmente guardati a vista da due amorevoli mister-educatori, ognuno con il proprio singolare concetto di sport e vita.


 

Cinema e archeologia – ACM (Archivio delle Culture Mediterranee)

 

Oltre Selinunte di Salvo Cuccia, Italia, 2006, 56’

Quando era sopraintendente per la cura delle Antichità della Sicilia occidentale, Vincenzo Tusa aveva un sogno: proteggere e salvare il sito archeologico di Selinunte dalla speculazione edilizia e dall’incuria del territorio. Per più di 20 anni ha lavorato alla creazione di un parco archeologico per riaccendere i riflettori della cultura sulla città.

 

Salvo Cuccia
Regista e artista visivo. Coniuga nella sua sperimentazione eclettica videoarte, fiction e nuove forme del documentario. Ha realizzato molti lavori tra video di creazione, cortometraggi di invenzione, performances, videoinstallazioni e documentari, alcuni dei quali per i programmi RAI “La storia siamo noi” e “Magazzini Einstein”, altri con la collaborazione di RAI Cinema. I suoi lavori sono stati selezionati in numerosi festival internazionali, da Locarno al Festival dei Popoli, da Torino a Bombay. Nel 2005 Martin Scorsese ha presentato il suo film documentario “Détour De Seta” al Tribeca Film Festival e al Full Frame Documentary Film Festival. Nel 2013 ha partecipato alla 70. Mostra del Cinema di Venezia con il film documentario “Summer 82 When Zappa Came to Sicily” e in seguito al Mediterraneo Video Festival. Nel 2015 ha realizzato “Lo Scambio”, il suo primo lungometraggio di finzione. La sua ricerca è protesa oggi verso le nuove frontiere della realtà aumentata e il cinema di finzione.


 

Cinema e archeologia – ACM (Archivio delle Culture Mediterranee)

 

Roba forestiera di Silvia Holzinger e Peter Haas, Ger/Aut, 2004, 45’

Questo film racconta una Matera inedita prima della trasformazione attuale.
“Era nel maggio 2003 quando ci siamo messi in viaggio verso la Basilicata, per Matera, anzi no, per meglio dire siamo stati letteralmente attirati là, come da un magnete. Il nostro bagaglio era leggero, avevamo una semplice attrezzatura da riprese video e nelle nostre teste, almeno nella mia, c’era impressa quell’immagine in bianco e nero dei Sassi di Matera, vista tempo addietro in una vecchia guida turistica, che da allora non mi aveva più abbandonato”
(Silvia Holzinger).

Roba forestiera _ Matera, Basilicata, Italia meridionale